procida capitale della cultura 2022
in

Isola di Procida capitale della cultura 2022

Vacanze a Procida: Cosa vedere e cosa fare nell’isola immortalata da Elsa Morante e da Massimo Troisi

L’isola di Procida, capitale della cultura italiana del 2022, è una delle tre isole presenti nel golfo di Napoli, insieme a Capri ed Ischia.

A differenza delle altre isole, Procida ha saputo conservare il suo stile autentico e rustico.

Ebbene si!!!

Isola di pescatori, non si è ancora piegata alla logica del turismo di massa e sa regalare ancora quel fascino selvaggio tutto da scoprire.

Vacanze a Procida

Se siete alla ricerca di pace e tranquillità, di una vacanza lontana dalle orde turistiche, Procida è ciò che fa per voi.

L’isola mantiene vive le sue radici, consentendo ad ogni viaggiatore di poter respirare la sua storia e le sue antiche tradizioni, procedendo a….rallentatore. Qui, infatti, tutto segue i tempi della natura, non si corre, ma si assapora ogni attimo, presi dall’ebbrezza dell’aria salmastra che la circonda.

Cosa vedere a Procida

Appena si sbarca dal traghetto, si è già immersi nell’abbraccio spontaneo di Procida: una serie di casette colorate fiancheggiano la banchina, regalando una vista luminosa e colorata dell’architettura sui generis dell’isola.

Dal porto, si passa direttamente alle stradine acciottolate del centro storico. Piccole traverse costeggiate da negozi di artigianato locale, dove spesso si respira il profumo di agrumi, ingrediente principale delle essenze vendute su tutta l’isola.

L’isola è piccola e percorribile a piedi, ma per chi non se la sente, c’è un ottimo servizio di bus che vi trasporterà in tutti i luoghi imperdibili.

Ebbene, cosa vedere sulla splendida isola? Ecco qui i luoghi più suggestivi da non perdere.

Terra Murata

Su una piccola collinetta alla destra del porto, salendo una strada un po’ scoscesa, si arriva alla cittadella murata dell’isola. Si tratta di un piccolo borgo medievale dalle case basse e colorate.

Girando tra le tipiche viuzze della cittadella è possibile osservare uno dei più bei panorami dell’isola.

Ci troviamo, infatti, sul punto più alto di Procida e la vista sulla Corricella è mozzafiato.

All’interno del borgo è possibile visitare il Castello d’Avalos, un tempo sede carceraria del Regno di Napoli ed oggi luogo mistico, che conserva ancora tutto il suo fascino e la sua suggestione.

Terra Murata

Sempre in Terra Murata, non può mancare una visita al Monastero di Santa Margherita, risalente alla metà del XVI secolo, costruito proprio a strapiombo sul mare.

Casale Vascello

Scendendo da Terra Murata, in un vicolo stretto è possibile ammirare il Casale Vascello, tipica costruzione procidana del ‘600.

Questa costruzione evidenzia le caratteristiche architettoniche dell’isola: abitazioni basse, contraddistinte da un balcone con volta ad arco, chiamata Vefio.

Belvedere Elsa Morante

Nel 2017 il Belvedere di via Pizzaco è stato intitolato ad Elsa Morante che immortalò Procida nel suo libro, l’Isola di Arturo.

Un omaggio alla prima donna vincitrice del Premio Strega che ha saputo cogliere il cuore e la bellezza del territorio.

Affacciarsi dal Belvedere, non solo rigenera lo spirito, ma consente quasi di sentire quelle sensazioni e quelle suggestioni che ispirarono la Morante.

Cosa fare sull’isola di Arturo

Anche se l’isola è piccola, regala la possibilità di esperienze intense e rilassanti. Qui ve ne indico alcune.

Passeggiare lungo Marina di Corricella

Tra le cose da fare sull’isola non può mancare una sosta lungo Marina di Corricella. Il momento ideale è quello dell’imbrunire. Il piccolo porticciolo inizia ad animarsi e i colori delle abitazioni procidane si riflettono lungo le rive salmastre confondendosi coi colori del tramonto.

Se siete dei romantici, non potrete non apprezzare un simile spettacolo.

Magari potrete fermarvi a cena, in uno degli splendidi ristoranti che costeggiano il bagnasciuga.

Girare l’Isola in bicicletta

Procida è per lo più pianeggiante e si presta ad una visita in sella alla bicicletta. Sono tanti i procidani che prediligono questo mezzo di trasporto più autentico e a contatto con la natura.

Si può partire dal centro e percorrere Via Vittorio Emanuele, la strada che taglia l’intera isola, arrivando alle spiagge della Chiaiolella.

Da lì, basta attraversare il ponte per trovarsi sull’Isola di Vivara, Riserva naturale.

Spiagge di Procida

Tra le cose da fare a Procida non può mancare un bel tour delle sue fantastiche spiagge.

Qui, vi faccio un piccolo elenco:

  • Spiaggia del Postino: si tratta della spiaggia del Pozzo Vecchio, ribattezzata spiaggia del postino, perchè qui è stata girata una famosa scena del film di Massimo Troisi. E’ una delle spiagge più belle dell’isola ed è quasi interamente libera.
  • Spiaggia della Chiaiolella: è il litorale più lungo dell’isola. Servita da diverse strutture balneari, dalla Chiaiolella è possibile ammirare la splendida isola di Vivara.
  • Spiaggia della Silurenza: vicino all’approdo dei traghetti, vi è questa splendida spiaggia raggiungibile a piedi. Comoda per bimbi e famiglie.
  • Spiaggia della Chiaia: si trova nella parte centrale dell’isola. E’ una spiaggia isolata, in quanto non è semplice raggiungerla. Difatti, ci si può arrivare via mare o a piedi, tramite una scalinata di ben 186 scalini.

E voi? Ci siete mai stati? Cosa vi è piaciuto di più?

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Piazza del plebiscito napoli

Piazza del Plebiscito a Napoli, luogo emblema della città partenopea

proverbi napoletani sull'amore

A òmmo pazzo dalle ‘na mugliéra